Iniziare a praticare yoga : parte prima

iniziare a praticare yoga frase

 

Iniziare a praticare  yoga è la decisione che hai preso dopo attente valutazioni .

Hai ben presenti tutti benefici per il corpo e la mente ma, non sai niente della pratica, non sai come valutare una scuola di yoga, non sai cosa ti serve e in fondo in fondo non sai neanche cosa sia lo yoga .

Risponderò  alle domande basilari per iniziare a praticare yoga per aiutarti ad evitare quanto più possibile di incorrere in scelte sbagliate.

Oggi parleremo di:

  • cosa è esattamente lo yoga,
  • i principali stili,
  • l’attrezzatura necessaria per iniziare a praticare.

Iniziare a praticare yoga significa sapere cosa è lo yoga

Chiarisco subito cosa non è lo yoga:

Lo yoga non è una religione, non è uno sport, non è ginnastica e soprattutto non è una setta.

La confusione su cosa sia lo yoga è all’ordine del giorno soprattutto in una società occidentale come la nostra , restia ad avvicinarsi alla tradizione orientale. Senza andare a scomodare definizioni difficili e di scarsa comprensione ed utilità, posso dirti che  lo yoga è un mezzo per farci stare bene. Attraverso la sua pratica costante conosciamo meglio noi stessi, il nostro corpo e gli altri liberandoci da stress e tensioni.

Il benessere che lo yoga mira a raggiungere è un di tipo psico fisico sostenendo fermamente che mente e corpo sono un connubio indissolubilmente legato.

Gli stili yoga

Gli stili yoga rappresentano il modo in cui decidi di avvicinarti alla pratica.

Nel corso del tempo gli stili yoga si sono evoluti e modificati : a stili più tradizionali sono state associate discipline più moderne . Sono nati così stili come l’antigravity yoga e l’acro yoga.

Lasciando da parte queste nuove discipline, esistono sei  principali stili di yoga:

Hatha Yoga: Hatha in sanscrito significa genericamente postura . Il termine fa genericamente riferimento a tutti quegli stili di yoga  che utilizzano le posture fisiche che in sanscrito si definiscono asana. E’ il più  praticato al mondo , è adatto a tutti anche e soprattutto a chi è poco flessibile .

Ashtanga Yoga

Ashtanga in sanscrito significa “otto livelli” e fa riferimento ad uno dei testi più antichi dello yoga : gli Yoga sutra di Patanjali, in cui vengono descritti gli otto gradini della via dello yoga.

L’ashtanga yoga si basa su sequenze fisse.  L’obbiettivo è quello di generare un calore interno in grado di favorire l’espulsione delle tossine  portando a purificare il sistema viscerale e muscolo- scheletrico

Mi sento di consigliarlo a chi ha già fatto esperienza con l’Hatha yoga e vuol passare ad una pratica più impegnativa.

Raja yoga

Indica una pratica incentrata soprattutto sulla meditazione.E’ uno stile che possiamo definire più statico ed ha la funzione di preparare il corpo alla meditazione.

Kundalini yoga

Può essere definito come lo yoga energetico e fa riferimento al maestro indiano Yogi Bahan .

L’insegnamento è strutturato per lavorare sui chakra e sul sistema nervoso, endocrino ed energetico.

Le lezioni sono sempre diverse ma non manca mai la recitazione di un mantra purificatore. Questo stile di yoga mira a raggiungere un equilibrio emozionale permettendo di raggiungere una maggior lucidità nel prendere le decisioni.

Iyengar Yoga

E’ definito lo yoga dell’allineamento. Fa riferimento al maestro B.K.S Iyengar . Secondo il maestro, il mancato allineamento del corpo ha conseguenze immediate sulla mente : allineare il corpo significa beneficiare la mente.

Vinyasa yoga o Yoga flow

E’ uno stile fluido e dinamico in cui tutte le lezioni sono diverse : i movimenti dinamici mirano a migliorare la coordinazione e la flessibilità

Iniziare a praticare yoga con l’attrezzatura giusta:

“…le uniche cose di cui hai bisogno per fare yoga sono il tuo corpo e la tua mente.” Condividi il Tweet

Effettivamente praticare yoga richiede veramente poco.

Prima di tutto è necessario un abbigliamento comodo ; gli yoga pants evoluzione yogica dei leggings sono molto versatili in tal senso. Obbligatorio (almeno secondo me) un tappetino yoga personale. E’ stato il mio  acquisto subito dopo la mia prima lezione di yoga . Quelli che si trovano negli studi yoga sono spesso sporchi o non tenuti bene e per di più senza un tappetino yoga non puoi neanche praticare a casa. Non è altrettanto obbligatorio ma sicuramente utile , il blocco yoga. Soprattutto se sei alle prime armi , aiuta ad  avere una postura corretta e  ad eseguire anche asana più impegnative. Quindi ,almeno per l’inizio, secondo me è un utile acquisto. Stesso discorso vale per la cinghia.

 La prima volta che si eseguono alcune posizioni e non riusciamo a toccare la punta dei piedi, la cinghia potrebbe aiutare moltissimo.

Ovviamente man mano che diventerai più esperta potrai tranquillamente farne a meno.

Spero di essere stata utile ,per il momento , e aspetto tuoi commenti e domande.

Namastè

                                                                                           freccia e cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *