Mindfulness

Mercantia: “Tra terra e cielo”.L’arte e la Rivoluzione Umana

 

Mercantia:

Una collaborazione che si rinnova

Anche quest’anno “Eminnamoraidime” sarà media partner di Mercantia.

Superati ormai i trent’ anni, Mercantia, si rinnova e da “Festival internazionale del teatro di strada” ,con la 31° edizione “Tra la terra e il cielo”, diventa “Festival internazionale del Quarto Teatro”.

Nell’antico borgo medievale, patria di Boccaccio, dall’11 al 15 di luglio 2018 , oltre 400 artisti per quasi 100 spettacoli in replica ogni sera, omaggeranno l’arte di strada.

Per me è un onore partecipare e dare il mio piccolo contributo ad un evento , da me , così atteso.

Lo scorso anno ho conosciuto Mercantia ed è stato amore a prima vista.

Mercantia è molto più di un festival di artisti di strada .

Mercantia è…

…la terra di un sogno, è una notte di luna piena, festa del teatro e della vita, luogo d’incontro e di passioni, è l’uomo che non si arrende e continua il suo canto…

Mercantia è una tavola imbandita, il pane caldo appena uscito dal forno, è il carnevale dell’anima, uno sguardo verso il cielo, lo scintillio gioioso della città della luce tranquilla…

Mercantia è l’impronta indelebile del suo direttore artistico,Alessandro Gigli, che ha abilmente collegato l’arte alla sua fede buddhista. Operazione a me particolarmente cara e totalmente condivisa.

Il Buddhismo di cui parla Alessandro Gigli non è il Buddhismo tibetano ,è il Buddhismo giapponese di Nichiren Daishonin.

Non cambia niente .

Come dice Gigli “siamo cugini“, siamo tutti una stessa famiglia.

La Rivoluzione Umana 

 

mercantia

“Quando si aprirà una nuova era
un corteo di giovani dirigerà una grande sinfonia
che riecheggerà da un capo all´altro dell´universo.
Amici, cantate, danzate e gioite insieme!!”
Daisaku Ikeda

Rivoluzione umana” è il termine usato dal secondo presidente della Soka Gakkai Josei Toda per descrivere un fondamentale processo di trasformazione interiore attraverso il quale rompiamo le catene del “piccolo io”, dominato dalla preoccupazione per noi stessi e dall’ego, accresciamo l’altruismo e manifestiamo il “grande io”, capace di prendersi cura e agire per gli altri.

Come spiega il presidente della Soka Gakkai Daisaku Ikeda: «Esistono molti tipi di rivoluzione: politica, economica, industriale, scientifica, artistica… ma non importa cosa cambi, il mondo non migliorerà fino a che le persone stesse rimarranno egoiste e senza compassione. Quindi la rivoluzione umana è fra tutte quella fondamentale e, contemporaneamente, necessaria per il genere umano»

La rivoluzione umana consiste nel trasformare la propria vita nel profondo.

 Il Buddismo afferma che esiste una condizione di vita pura, positiva e illuminata all’interno di ognuno: la Buddità. Questo stato vitale è caratterizzato da qualità come compassione, saggezza e coraggio che rendono capaci di trarre da ogni situazione qualcosa che abbia valore.

Attraverso la fede e la pratica possiamo rivelare la nostra Buddità, il nostro stato vitale più elevato e illuminato, proprio nel momento presente, così come siamo. 
Questo processo è rafforzato e accelerato quando si guarda oltre le preoccupazioni personali e si agisce per gli altri. 
Il processo individuale della rivoluzione umana è la vera chiave per diffondere il cambiamento su scala globale.

Daisaku Ikeda scrive: «La rivoluzione umana di un singolo individuo contribuirà al cambiamento nel destino di tutta l’umanità».
Prendere la piena responsabilità di trasformare in meglio le proprie esistenze è il primo passo verso la creazione di una società basata sulla compassione e il rispetto per la dignità della vita di tutti gli esseri umani.

Mercantia e la Rivoluzione Umana 

 

mercantia

Mercantia è esattamente questo:

Mercantia è una luce che rischiara l’oscurità in cui stiamo vivendo.

Il teatro cerca di illuminare il cammino facendo divertire, riflettere e crescere. 

L’arte permette di sfidare le credenze cristallizzate in noi attraverso un linguaggio che ci fa pensare, che ci matura ,che ci permette di sconfiggere le false illusioni della società in cui viviamo. 

Solo così saremo veramente artefici e attori nella nostra vita, non più marionette di un burattinaio invisibile che ci manovra. 

Prendiamoci la responsabilità  della rivoluzione umana e  comprendiamo che parte da noi prima di tutto .

Impariamo a diventare accoglienti, gentili e  compassionevoli  in modo da sconfiggere i veleni che albergano nella nostra mente. 

Risvegliare l’umanità è il compito di ognuno di noi . 

E chi meglio dell’arte  con i suoi mille linguaggi ,portata nelle strade e nelle case , può farci ritrovare la nostra umanità smarrita?

Vogliamo essere piccoli punti luminosi intermittenti,  insetti teatrali per rischiarare i tempi oscuri che stiamo vivendo. Un teatro di resistenza, piccole luci per attrarre chi cammina. Sfidare le credenze, le false illusioni della società, diventare accoglienti, sconfiggere i veleni della nostra mente.

Ritrovare la nostra umanità è compito di ognuno di noi e anche del teatro di Mercantia

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *