samurai
Mindfulness

Samurai e bushido : un aiuto ad affrontare le sfide da vere guerriere

Siamo samurai.

La vita di tutti i giorni ce lo dimostra.

Siamo delle combattenti : tra famiglia, lavoro, casa siamo coraggiose e  sempre in prima linea. Comunque possiamo sempre migliorare attingendo al buddhismo e alla cultura giapponese per coltivare la capacità di concentrazione, la gentilezza, l’azione, il distacco dalle cose negative e la fiducia in noi stesse.

Magari non ce ne accorgiamo ma ogni giorno combattiamo come se fossimo in un campo di battaglia. Elaboriamo strategie e ogni giorno ci troviamo a fronteggiare una società che è ancora troppo maschilista. Ma non dimentichiamo mai la nostra umanità, perchè abbiamo la capacità di afforontare il dolore.

La consapevolezza , il coraggio e la forza, l’amore universale , l’amore per noi stesse sono i nostri punti di forza nella vita di tutti i giorni e sono anche alcune caratteristiche del Bushido, il codice etico dei Samurai. 

Samurai : chi sono

Il termine samurai, letteralmente significa “dipendente”, ma nel complesso sistema linguistico giapponese, esso può essere sostituito da bushi , “famiglia militare. Entrambi i termini indicavano un nobile addestrato nell’utilizzo di ogni arma conosciuta (spada, arco, lancia ecc..) che si metteva al servizio di un daymo, uno dei Grandi Signori che si spartivano l’Impero Giapponese.

Il simbolo dei Samurai era il fiore di ciliegio. Sakura( fiore di ciliegio) ha una fioritura perfetta e fugace , basta un colpo di vento perchè svanisca. Il fiore di ciliego rappresenta l’impermanenza : tutto muta continuamente, la vita è fatta di attimi che si susseguono. Quello che è imporatnte è il momento presente qui e ora. La realtà è inafferrabile perchè mutevole . Nulla resta immobile. Questo concetto di stampo buddhista torna costantemente anche nel bushido 

Il fiore del ciliegio (sakura) è il fra i giapponesi il simbolo del bushidō, e spesso anche dell’intero Giappone. Il samurai deve avere tutte le caratteristiche del fiore di ciliegio: la semplicità, la purezza, la delicatezza, e, in particolare, la disposizione a cadere con naturalezza quando è il momento (tipicamente, all’apice della fioritura). Mono no aware (letteralmente: commozione delle cose) è il sentimento che accompagna la contemplazione nostalgica e piena di compassione della bellezza effimera della natura, del momento che se ne va nel farsi del suo ritmo sacro.

Samurai ed impermanenza

Il mondo è segnato dalla naturale impermanenza delle cose:

Data la transitorietà delle gioie e dei dolori è sbagliato lasciare che l’animo sia turbato dalle une o dagli altri: «innanzitutto è necessario che il samurai avverta dentro di sé la presenza di una forza tranquilla». In secondo luogo, la transitorietà delle cose è un invito a concentrare l’attenzione sul momento presente:

Nella vita la cosa più importante è quella di vivere il momento presente con la massima attenzione. Tutta l’esistenza non è altro che un susseguirsi di un momento dopo l’altro. […] …ma gli uomini si lasciano sfuggire il momento presente per andare in cerca di altre cose e così non arrivano mai a realizzarsi

Samurai e Bushido 

I samurai possedevano un codice di onore, il Bushido, che significa “via del guerriero”.

Si trattava di un codice di comportamento per disciplinare la loro casta. Nel Bushido si trovavano elementi del buddismo zen e dello scintoismo. . Era proprio la pratica costante di questi principi a creare nel samurai la padronanza assoluta di se stesso in qualsiasi circostanza.

I principi del Bushido possono essere utilizzati nella vita di tutti i giorni per fornisci delle linee guida da utilizzare nelle quotidiane.

Ecco i sette punti chiave , a uso e consumo di tutte le guerriere che leggeranno.

 

1. 義 (Gi): Onestà e Giustizia

“Sii scrupolosamente onesto nei rapporti con gli altri, credi nella giustizia che proviene non dalle altre persone ma da te stesso. Il vero Samurai non ha incertezze sulla questione dell’onestà e della giustizia. Vi è solo ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.”

 
 

Smettiamo di cercare comode scorciatoie per arrivare o per raggiungere qualche soddisfazione o vantaggio momentaneo. 

Questo vale anche nella crescita personale: “devi imparare ad essere scrupolosamente onesto nei rapporti con… te stesso“. Il raggiungimento di qualsiasi obiettivo ambizioso richiede due elementi:

  • Chiarezza d’intenti.
  • Piena assunzione di responsabilità.

 

2. 勇 (Yu): Eroico Coraggio

“Elevati al di sopra delle masse che hanno paura di agire, nascondersi come una tartaruga nel guscio non è vivere. Un Samurai deve possedere un eroico coraggio, ciò è assolutamente rischioso e pericoloso, ciò significa vivere in modo completo, pieno, meraviglioso. L’eroico coraggio non è cieco ma intelligente e forte.”

 
 

“Nascondersi come una tartaruga nel guscio non è vivere“. E’ penso l’espressione più eloquente che ho mai letto sulla zona comfort.

Rincorrere gli obiettivi richiederà azioni di coraggio , ma non c’è alternativa se vuoi vivere appieno la tua vita. Questo però non significa prendersi rischi inutili o stupidi: l’eroico coraggio è “intelligente e forte“, mai cieco.

3. 仁 (Jin): Compassione

“L’intenso addestramento rende il samurai svelto e forte. È diverso dagli altri, egli acquisisce un potere che deve essere utilizzato per il bene comune. Possiede compassione, coglie ogni opportunità di essere d’aiuto ai propri simili e se l’opportunità non si presenta egli fa di tutto per trovarne una. La compassione di un samurai va dimostrata soprattutto nei riguardi delle donne e dei fanciulli.”

 
 

 Impara ad amare e ad apprezzare gli altri.

Il termine compassione deriva dal latino cum(insieme) – patior (soffro).

La compassione si concretizza dunque nella partecipazione alla sofferenza dell’altro e, più in generale, nella condivisione delle aspirazioni e dell’impegno altrui.

Se vogliamo  realizzare buoni propositi, diventiamo  partecipe degli obiettivi degli altri e lasciamo che gli altri diventino partecipi dei tuoi. 

4. 礼 (Rei): Gentile Cortesia

“I Samurai non hanno motivi per comportarsi in maniera crudele, non hanno bisogno di mostrare la propria forza. Un Samurai è gentile anche con i nemici. Senza tale dimostrazione di rispetto esteriore un uomo è poco più di un animale. Il Samurai è rispettato non solo per la sua forza in battaglia ma anche per come interagisce con gli altri uomini. Il miglior combattimento è quello evitato.”

 
 

La scarsa autostima si manifesta in due modi: attraverso un atteggiamento passivo, ma anche attraverso un atteggiamento aggressivo. Un samurai “non ha bisogno di mostrare la propria forza“. Tra passività ed aggressività egli ha imparato a coltivare una terza via: la via dell’assertività.

 

5. 誠 (Makoto): Completa Sincerità

“Quando un Samurai esprime l’intenzione di compiere un’azione, questa è praticamente già compiuta, nulla gli impedirà di portare a termine l’intenzione espressa. Egli non ha bisogno né di “dare la parola” né di promettere. Parlare e agire sono la medesima cosa.”

 
 

…”parlare e agire sono la medesima cosa“: quanti di noi possono onestamente affermare di rispettare questo quinto princìpio del Bushido?

Per la nostra crescita personale è fondamentale il rispetto della parola data , nei confronti degli altri ma soprattutto nei confronti dei noi stessi.

 Uno dei passi fondamentali per riconquistare la fiducia in noi stessi consiste nel rendere coerenti i nostri pensieri, le nostre parole e le nostre azioni. Per farlo dobbiamo imparare a mantenere le promesse.

 

6. 名誉 (Meiyo): Onore

“Vi è un solo giudice dell’onore del Samurai: lui stesso. Le decisioni che prendi e le azioni che ne conseguono sono un riflesso di ciò che sei in realtà. Non puoi nasconderti da te stesso.”

 
 

Siamo il risultato delle decisioni che abbiamo preso ieri e delle azioni che abbiamo compiuto oggi. Stiamo molto attenti alle decisioni che prendiamo oggi e anche a quelle che rimandiamo a domani.

 

7. 忠義 (Chugi): Dovere e Lealtà

“Per il Samurai compiere un’azione o esprimere qualcosa equivale a diventarne proprietario. Egli ne assume la piena responsabilità, anche per ciò che ne consegue. Il Samurai è immensamente leale verso coloro di cui si prende cura. Egli resta fieramente fedele a coloro di cui è responsabile.”

 
Egli ne assume la piena responsabilità, anche per ciò che ne consegue“:

Ogni azione ha una conseguenza. L’universo è interamente dominato da principi morali: se agiamo contrariamente ad essi la nostra sofferenza aumenterà. Il Buddhismo e il Bushido utilizzano la metafora del fiore di loto: i petali e il ricettacolo che contiene i frutti nascono insieme, perciò qualsiasi pensiero, parola azione ( positiva o negativa) produce nel medesimo istante un effetto, positivo o negativo.

Samurai qualche libro 

 

Japonisme

samurai

Japonisme racchiude l’antica arte giapponese del trovare l’appagamento e offre consigli e suggerimenti pratici per vivere una vita più felice, sana e consapevole.

Qual è il vostro ikigai (lo scopo)? Come potete coltivare la consapevolezza nel caos e nell’imprevedibilità della vita di tutti i giorni? Dallo shinrin-yoku (il bagno nella foresta) alla calligrafia, dall’ikebana (l’arte di disporre i fiori) alla cerimonia del tè e al rapporto con il cibo, i giapponesi hanno saputo raggiungere un senso di completezza attraverso tradizioni, filosofie e pratiche artistiche. Migliorate il vostro modo di vivere e arricchite lo spirito guardando la vita attraverso la lente del wabi-sabi (la natura impermanente di ogni cosa), il kintsugi (riparare le ceramiche con l’oro) o il kaizen (le tecniche per formare l’abitudine). Grazie a questo libro scoprirete come portare un po’ di “japonisme” nella vostra quotidianità

 

Bushido per donne Guerriere

samurai

 

Gli insegnamenti senza tempo dei samurai alle donne moderne: una preziosa eredità da cui trarre forza e da mettere in pratica quando siamo sommerse dalla vita quotidiana.

«Metti il piede in fallo sette volte, sette volte cadi e otto rialzati e risorgi.»Yamamoto Tsunetomo

«Un vero tesoro, raccolto con cura e passione da due grandi studiose ed esperte della letteratura marziale giapponese e del mondo dei samurai.»Claudio Regoli, delegato italiano per la scuola Tenshin Shoden Katori Shinto ryu

Un libro dedicato a tutte le donne stanche di essere trattate come Cenerentola o la Bella Addormentata, perché la vita ci racconta tutta un’altra storia, ben lontana dalla fiaba: le donne sono autentiche guerriere. E lo sono da sempre: creature apparentemente delicate, tuttavia capaci di generare figli, gestire la famiglia, accudire malati e anziani, studiare ai più alti livelli, guidare aziende e colossi, spaccarsi la schiena in lavori pesanti. E occuparsi di affetti e incombenze pratiche contemporaneamente. Il multitasking è il nostro modus operandi. Senza nulla togliere agli uomini, di fatto la sensibilità femminile in alcuni campi ci spinge a dover lottare ancora più tenacemente. Questo libro raccoglie parole profonde, che ci giungono da una tradizione che di guerrieri ne ha forgiati tanti. Si tratta di una raccolta di aforismi estrapolati dalla letteratura samurai, intrisa di valori in cui ci rispecchiamo ancora oggi. Le loro parole possono diventare preziose indicazioni per spronarci a migliorare e a superare le innumerevoli prove cui siamo sottoposte nello svolgimento dei nostri innumerevoli ruoli. Non un libro per sole donne, ma una raccolta che possiamo finalmente condividere con gli uomini della nostra vita.

 
 

Ikigai

 

samurai

 

L’ Ikigai è nascosto in ognuno di noi, basta trovarlo. Insieme possiamo scoprire come.

Dal Giappone un metodo per giungere alla conoscenza di sé, alla scoperta di ciò che dà senso e realizzazione alla propria quotidianità. Lo scopo? Trovare il proprio ikigai, la propria ragione di vita, e sentire finalmente di condurre un’esistenza piena, soddisfacente e degna di essere vissuta. Ikigai è una parola magica, così magica che non ne esiste una traduzione semplice nelle lingue occidentali. Possiamo definirlo “la ragione di esistere”, “il motore della vita”, o ancora meglio “ciò per cui vale la pena di alzarsi la mattina”. Ognuno di noi possiede il proprio, anche se non tutti ne sono consapevoli: è la premessa fondamentale per vivere una vita sana, soddisfacente e, semplicemente, felice. Esempio ne sono gli abitanti dell’isola giapponese di Okinawa, dove il tasso di ultracentenari è tre volte superiore a quello delle quattro isole più grandi del paese: la loro consapevolezza riguardo al proprio ikigai, unita a uno stile di vita sano e rilassato, li rende una tra le popolazioni più longeve e felici del pianeta. Ispirandosi a loro e suggerendo esercizi pratici che guidano al riconoscimento dei valori e degli obiettivi veramente importanti per ciascuno nella vita, l’autrice ci insegna a riconoscere cosa ci trasmette energia, curiosità, positività, realizzazione personale, fiducia in noi stessi, progettualità. In altre parole, cosa ci serve per essere felici.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *