bambini
Blog

Bambini: naturalmente progettati per la Mindfulness

Introdurre i bambini alla Mindfulness , potrà aiutarli a calmare i loro pensieri e ad affrontare con più energia, consapevolezza e spensieratezza il ritorno sui banchi di scuola. 

I bambini soffrono come noi di stress , turbamenti , ansie da prestazioni. 

Sono mamma e mi rendo conto quanto possano essere talvolta impegnative  e frustranti le attività dei nostri piccoli tra scuola, attività sportive e relazioni.

La Mindfulness fa bene e questo è scientificamente provato ormai .Quindi diventa molto naturale pensare di offrirla ai nostri bambini.

«L’attenzione è la forma più pura e più rara di generosità» sosteneva la filosofa Simone Weil. E mai come in questo momento ne siamo a corto. 

Viviamo in in mondo ipertecnologico , in cui i nostri impegni azzerano completamente la nostra capacità umana . Siamo ovunque ,ma mai su noi stessi . Negli ultimi anni la situazione si aggravata : studi scientifici hanno dimostrato che la nostra capacità attentiva si è notevolmente ridotta dal 2000 ad oggi : siamo passati da dodici secondi a otto. Prestazione avvilente: persino il pesce rosso ci supera, rimanendo concentrato per nove secondi.

Bambini e  Mindfulness

Perchè?

Io sono qui ora, il resto non conta”: è questo lo scopo della Mindfulness, la pratica meditativa che allena a essere consapevoli del momento presente.

Coltivare un rapporto centrale con se stessi permette ai piccoli di scoprire che le cose più importanti accadono dentro di noi: le emozioni sono il motore più forte della vita, sosteniamo i nostri figli nell’imparare a ascoltarle. La Mindfulness li aiuta a non scordarsi di sé, a non perdersi tra le mille sollecitazioni della routine quotidiana, come facciamo noi adulti che diamo la priorità alle cose da fare, rispetto al sentire. Siamo collegati più con la tecnologia che con noi stessi.

Meditazione per bambini.

Non è troppo impegnativa?

Assolutamente no. A parte il fatto che i nostri figli sono molti più forti e resistenti di quanto pensiamo, dobbiamo tenere presente che sono naturalmente predisposti alla Mindfulness. Basta osservarli mentre sono impegnati in un gioco: sono concentratissimi ed è praticamente impossibile distrarli quando sono immersi in qualcosa che suscita in loro un qualche interesse.

Ed è questa capacità di attenzione che dovremmo ricercare anche noi adulti .

A livello pratico poi gli esercizi che vengono proposti sono molto semplici e pratici da eseguire a casa o anche a scuola. Basta solo un pò di creatività e fantasia

Bambini: gli svantaggi della distrazione

I bambini che non riescono a focalizzarsi su se stessi e la realtà che li circonda sono più nervosi, agitati, confusi, stanchi.

Anche le prestazioni accademiche ne risentono: cominciano ad impiegare troppo tempo nello svolgimento dei compiti, dimenticano tutto, non riescono a fare la cartella di scuola.

La distrazione diventa un fattore di disagio che si acuisce sopratutto con l’aumento delle molteplici attività cui sono sottoposti i nostri figli.

Così capiterà di frequente che tenderanno a somatizzare il loro disagio, soprattutto con disturbi legati alla pelle e all’intestino.

Purtroppo, devo dire che sono in aumento i bambini che non riescono a farlo

Bambini e Mindfulness:

Da dove iniziare?

 

bambini

La prima cosa è…praticando!

Praticare Mindfulness permetterà di comprendere le difficoltà e i vantaggi di una pratica regolare. Permetterà anche, qualche volta, di praticare insieme. Possiamo farlo in maniera formale e informale, in modo da tenere la nostra attenzione in ciò che stiamo facendo, momento per momento. Forse facciamo  senza saperlo facciamo già moltissima pratica informale….

Bambini e Mindfulness:

Le aspettative

Lasciar andare le aspettative per gustare  la ricchezza dell’esperienza,è uno degli aspetti fondamentali della Mindfulness.

Tutto questo diventa di cruciale importanza se decidiamo di  proporre la Mindfulness ai nostri figli.

Perchè desideriamo farlo? Per calmare un bambino irrequieto? Per poter fronteggiare i suoi capricci? In questo modo potete rischiare di rimanere delusi . Certo , uno degli effetti collaterali della Mindfulness è regolare le emozioni , ma lo fa partendo dalla accettazione del presente. Quindi prima si accoglie , poi si modifica. Quindi lasciamo spazio al cambiamento anzichè spingersi verso una direzione .

 La Mindfulness non è una formula magica. I  bambini sono bambini hanno diritto ai loro capricci, alla loro esuberanza, alle grida e al movimento. Quindi non scegliamo la Mindfulness se vogliamo eliminare i comportamenti infantili dei nostri piccoli.

Dall’altro lato però, i bambini non devono essere forzati a praticare.

Iniziamo sotto forma di gioco: per esempio ascoltando il suono delle campane fino a che il suono non svanisce. Oppure suonare dei cimbali e chiedere di ascoltare il suono fino alla fine.

Non dimentichiamo mai che il modo migliore per stabilizzare l’attenzione dei nostri bambini è…giocarci insieme essendo emotivamente presenti!

Fermarsi insieme per dedicarsi a se stessi insieme ai figli è di sicuro un momento importante di benessere e condivisione. E magari scoprendo i vantaggi della pratica, può venire voglia di approfondire la questione per se stessi.

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *