babbo il luogo preferito
Io in ultima fila

Caro Babbo, scusa

Questa foto viene direttamente dal tuo profilo Facebook. Non lo apro mai fa troppo male , ma sapere che c’è , che ci sono i tuoi pensieri mi dà l’illusione che tu ci sia ancora. Questo era il tuo posto preferito ed è lì che amo immaginarti, con la tua canna su quegli scogli con la fiducia e l’ottimismo di prendere un pesce che mai sarebbe arrivato . Ma te eri così …

Caro Babbo, questa è la lettera che ho sempre voluto scriverti ma che non ho mai fatto.

Troppa era la pura di aprire lo squarcio che hai lasciato andandotene.

Faccio la dura, faccio la forte e dico agli altri ,e soprattutto, a me stessa che ho “elaborato il lutto “che ho accettato la tua morte ,che era meglio così perchè lo sapevo quanto soffrivi.

Ma invece no, caro babbo ,non ho superato proprio niente e quando penso a te piango ,piango per il rammarico di non averti vissuto abbastanza, per la rabbia ,per la delusione per l’ingiustizia della vita .

Non siamo sempre andati d’accordo e non sempre ti ho stimato. Ci sono state volte in cui non ti ho capito e che ho pensato tu fossi sbagliato…

Sbagliato… Solo da poco ho capito che giusto e sbagliato è una malattia che ci allontana , ci devasta fino a corroderci .

Forse lo sapevi già, mi hai sempre aiutato senza giudicare MAI.

Chi può dire giusto o sbagliato? Chi può giudicare? Ho subito e subisco ancora il peso dei giudizi ,e so quanto fanno male eppure io , io tua figlia ti ho giudicato. Non ti ho ascoltato quando avrei dovuto .Ti ho capito solo quando ormai era troppo tardi e non sai quanto avrei voluto che tu mi vedessi oggi , te che mi hai visto quasi sempre a terra , te che mi hai raccolto nel momento più insensato della mia vita.

Quanto vorrei che tu fossi vissuto abbastanza per vedermi felice ,realizzata , finalmente coraggiosa e consapevole di quello che sono.

Perchè hai visto il peggio di tua figlia e non quello che di bello c’era lei?

Ma forse te lo sapevi prima di me chi ero.

Più che passa il tempo più mi manchi .

Sono arrabbiata perchè il mondo non ti ha dato il giusto tributo, sono arrabbiata perchè ci sono persone che hanno provato una sadica soddisfazione nel vedere quel gigante buono inerme su una sedia a rotelle, sono arrabbiata perchè dopo la tua morte il mondo ha continuato a girare come fosse niente.

Doveva fermarsi e fare un inchino e piangere e sanguinare ..Invece sei andato via in silenzio, come hai vissuto ,del resto.

Ti ho lasciato andare in mare dove ti piaceva tanto almeno quel desiderio sono riuscita a realizzarlo.

Scusa, non sono ancora riuscita a chiudere con il grande dolore della mia vita. Lo so che te ne sei andato con il rammarico di non avermi aiutato abbastanza. Ma non devi preoccupati, babbo. Lotto ancora e ancora più forte di prima, non mi arrendo e non sono più sola. Alla fine so che vinceremo e vinceremo insieme.

Scusa se ti ho dato solo problemi, ora che ho trovato la mia strada te non ci sei,

non ci sei per vedermi quando insegno yoga,

non ci sei per venire ai miei esami all’università,

non ci sei per giocare con i miei cani,

non ci sei per viziare i tuoi nipoti,

non ci sei per vedere che donna forte è diventata tua moglie,

non ci sei per vedermi lottare ,

non ci sei per vedermi ridere ,

non ci sei per conoscere ed amare Paolo, “Finalmente quello giusto” avresti detto,

non ci sei per seguire i mie voli dal computer ,

non ci sei per dirmi che non conoscere la geografia è da ignorantoni,

non ci sei per andare in Baracchina Bianca a mangiare quella brische con la panna che ti piaceva tanto e ti sporcava i baffi.

non ci sei per accompagnarmi all’altare

 

E’ cos’ ingiusto….

Ti amo tanto babbo

 

Per te…Così ho la certezza di essere riuscita a farti piangere…

 

Penso che ogni giorno sia come una pesca miracolosa
e che è bello pescare sospesi su di una soffice nuvola rosa
Io come un gentiluomo,
e tu come una sposa
Mentre fuori dalla finestra
si alza in volo soltanto la polvere.
C’è aria di tempesta!

Sarà che noi due siamo di un altro lontanissimo pianeta.
Ma il mondo da qui sembra soltanto una botola segreta.
Tutti vogliono tutto per poi accorgersi che è niente.
Noi non faremo come l’altra gente,
questi sono e resteranno per sempre…

I migliori anni della nostra vita
I migliori anni della nostra vita
Stringimi forte che nessuna notte è infinita
I migliori anni della nostra vita

Stringimi forte che nessuna notte è infinita
I migliori anni della nostra vita

Penso che è stupendo restare al buio abbracciati e muti,
come pugili dopo un incontro.
Come gli ultimi sopravvissuti.
Forse un giorno scopriremo che non ci siamo mai perduti…
E che tutta quella tristezza in realtà, non è mai esistita!

I migliori anni della nostra vita
I migliori anni della nostra vita
Stringimi forte che nessuna notte è infinita
I migliori anni della nostra vita!

Stringimi forte che nessuna notte è infinita
I migliori anni della nostra vita

I migliori anni della nostra vita 

Renato Zero

.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *